Le famiglie italiane sono più “green”: ecco come cambieranno le scelte d’acquisto

Instagram Dashboard come usarlo e sfruttare le sue potenzialità
Instagram Dashboard: un nuovo strumento a servizio dei professionisti dei social
8 Febbraio 2021
Chi ha finito il pacco di pasta La Molisana?
18 Febbraio 2021
Sostenibilità ambientale cambiano scelte di consumo famiglie italiane green

Sempre più famiglie italiane decidono, ogni giorno, di comprare servizi e prodotti tenendo in considerazione il tema della sostenibilità ambientale. Con queste nuove scelte d’acquisto, dunque, stanno ridisegnando non solo l’offerta del mercato per quest’anno, ma anche per quelli a venire. E le aziende come si stanno preparando ad affrontare questo cambio di rotta?

Vediamo insieme un po’ di dati sui quali riflettere per capire come comportarci.

Il trend della sostenibilità ambientale spopola in Europa

Il dato di cui parliamo in questo articolo è emerso da una indagine svolta nel 2020 da GfK e riguarda la sostenibilità e le preoccupazioni ambientali delle famiglie europee, chiamata #WhoCaresWhoDoes.

Per quanto riguarda l’Europa, 1 famiglia su 3 avrebbe dichiarato di aver smesso di acquistare determinati prodotti e servizi a causa del loro impatto negativo sull’ambiente o sulla società. In particolare, le famiglie europee avrebbero affermato di non acquistare più prodotti con imballaggi in plastica. Un trend cresciuto, secondo altre stime, nel periodo della pandemia, un periodo che ha risvegliato le coscienze grazie ai temi della sicurezza e che avrebbe portato le famiglie europee a limitare la produzione di rifiuti in plastica da imballaggio.

Cosa hanno dichiarato gli italiani?

Il primo dato degno di nota è il ruolo che i giovani svolgono rispetto al tema della sostenibilità ambientale all’interno del contesto domestico. Le generazioni più giovani, infatti, sarebbero quelle più sensibili alle tematiche ambientali e influenzerebbero gli acquisti green delle proprie famiglie. In Italia, questo dato, ha trovato riscontro nel 36% delle famiglie intervistate, che avrebbe anche affermato di evitare i prodotti con un imballaggio in plastica quando esiste un’alternativa eco sostenibile.

Il 58% delle famiglie italiane, inoltre, avrebbe dichiarato di sottoporre i loro rifiuti al riciclo, anche se lo stesso numero avrebbe dichiarato di non sapere cosa accade effettivamente ai prodotti quando vengono riciclati.

Brand e sostenibilità ambientale: cosa si aspettano le famiglie italiane?

Un ruolo importantissimo, secondo quanto emerge dallo studio, giocherebbero i brand rispetto alle scelte di consumo delle famiglie italiane e legate al tema della sostenibilità ambientale.

Le categorie di prodotto dove gli shopper ritengono di avere un’influenza maggiore in termini di sostenibilità sono quelle dell’home e del personal care. In particolare, il 62% delle famiglie italiane avrebbe dichiarato che si aspetta che le aziende mettano a disposizione confezioni fatte da materiale riciclabile al 100%, preferendo dunque quelle che dimostrano attenzione alla sostenibilità ambientale.

I consumatori italiani, infatti, sono sempre più convinti che i propri comportamenti di acquisto possano avere un effetto positivo sull’ambiente. Ma chi può supportarli in questa scelta? Secondo il 40% degli intervistati, sono soprattutto i produttori di beni e servizi a poter fare la differenza nel ridurre l’impatto ambientale, seguiti dai governi con il 35%.

Di conseguenza, oggi è ancora più importante per produttori e retailer tenere conto dell’orientamento delle generazioni più giovani rispetto alle tematiche ambientali per impostare le proprie strategie di crescita future.

Cosa può fare la tua azienda?

Seguire in maniera dettagliata e attenta i trend più importanti del mercato, facendo attenzione alla domanda del consumatore. La crisi dovuta alla pandemia ha insegnato alle aziende a ridisignare la propria strategia, ascoltando più attentamente la propria audience.

Hai bisogno di una mano in questo? Contattaci per una consulenza!

CIAO!

Ci prendiamo un caffè insieme?
Potremo parlare di comunicazione, di nuovi trend del web marketing e di molto altro.
Iscriviti ora alla newsletter.
Una promessa: niente spam!