Google in trattativa con TikTok e Instagram per indicizzare i contenuti

Facebook crea lista privilegiate di vip e politici per la moderazione dei contenuti
Facebook e la moderazione dei contenuti: favoritismi per VIP e politici?
24 Settembre 2021
Google lancia il nuovo algoritmo di ricerca MUM
MUM: il nuovo algoritmo che rivoluzionerà le nostre ricerche su Google
5 Ottobre 2021
Google in trattativa per indicizzare contenuti TikTok e Instagram

È notizia di questi giorni: a pochi giorni dal suo 23esimo compleanno, il colosso Google sarebbe entrato in trattativa con altri due giganti del mondo del web, TikTok ed Instagram, per due affari molto importanti.

L’azienda, infatti, sta cercando di portare i video prodotti dagli utenti dei due colossi social su Google Search e sta anche cercando di stringere un accordo per indicizzarli in formato breve sul suo motore di ricerca. Se l’accordo dovesse andare in porto, presto sarà possibile cercare video e reels utilizzando parole chiave popolari.

A che punto sono le trattative di Google?

Secondo un rapporto di The Information, i dirigenti di Google sono in trattativa con Facebook e ByteDance per poter mettere le mani sui dati necessari per indicizzare e classificare i contenuti video di Tik Tok e Instagram su Google Search.

Un portavoce di Google ha spiegato che questa esigenza nasce dal fatto che l’azienda sia sempre alla ricerca di nuovi modi per organizzare le informazioni. E ha dichiarato:

Aiutiamo i siti a rendere i loro contenuti visibili e a beneficiare di essere trovati su Google,
permettendo loro di scegliere come o se il loro contenuto appare in Search

fonte: techprincess.it

In realtà sappiamo che Google, già lo scorso dicembre, aveva testato una nuova funzione che mostrava i video di TikTok e Instagram in un corso su Google Search per mobile. La funzione, inizialmente, si era concentrata sul mostrare i video di YouTube, ma poi aveva inglobato anche Instagram e TikTok.

Al momento, comunque, non si sa a che punto siano le trattative e quale tipo di accordo sia previsto. Possiamo solo ipotizzare che potrebbe essere simile a quello che l’azienda ha stretto con Twitter. Google, infatti, paga al social cinguettante una tassa di licenza che gli permette di accedere e incorporare i tweet nei risultati di ricerca.

Questo articolo ti è piaciuto? Per essere sempre informato sulle ultime notizie di marketing e comunicazione iscriviti alla nostra newsletter!

CIAO!

Ci prendiamo un caffè insieme?
Potremo parlare di comunicazione, di nuovi trend del web marketing e di molto altro.
Iscriviti ora alla newsletter.
Una promessa: niente spam!