Bonus pubblicità 2021: tutto quello che c’è da sapere

Social Media Trend 2021
Benvenuto 2021: 10 social media trend da tenere in considerazione
8 Gennaio 2021
Instagram Dashboard come usarlo e sfruttare le sue potenzialità
Instagram Dashboard: un nuovo strumento a servizio dei professionisti dei social
8 Febbraio 2021
Bonus pubblicità 2021 come fare per richiederlo

Partiamo dalle basi: il bonus pubblicità è un’agevolazione fiscale che viene erogata sotto forma di credito d’imposta per tutti gli investimenti pubblicitari fatti dalle aziende con sede fiscale in Italia su quotidiani, periodici cartacei ma anche su mezzi digitali.

Nella legge di bilancio 2021 viene, di fatto, prorogata l’agevolazione per il biennio 2021 – 2022. L’agevolazione viene applicata sul 50% degli investimenti con la novità che non viene richiesto il valore incrementale dell’1% rispetto agli investimenti degli anni precedenti.

Quale tipologia di pubblicità è prevista nel Bonus Pubblicità 2021?

Il bonus pubblicità per gli anni 2021 e 2022 si applica agli investimenti su giornali e periodici, anche nelle loro versioni digitali, ma sono state escluse le attività su TV e radio, sia locali sia nazionali.

Attenzione a scegliere bene però la testata, perché, come recita la legge, sono ammissibili gli investimenti per l’acquisto di spazi pubblicitari su “giornali quotidiani e periodici, nazionali e locali, in edizione cartacea o digitale, iscritti presso il competente Tribunale, ovvero presso il menzionato Registro degli operatori di comunicazione, e dotati in ogni caso della figura del direttore responsabile”. Esclusi, pertanto, i blog e altri siti online.

Possono beneficiare del bonus pubblicità 2021 le imprese di qualsiasi tipologia, ma anche gli enti non commerciali e i lavoratori autonomi.
Il bonus non prevede un rimborso cash ma solo in compensazione F24, ossia attraverso i crediti d’imposta che le imprese possono usare per compensare il pagamento di altri tributi.

Quando scade il bonus?

La richiesta di agevolazione deve essere inviata per via telematica all’Agenzia delle Entrate dal 1 al 31 marzo. Nella richiesta si devono indicare le spese sostenute e quelle da sostenere. Infine, entro il mese di gennaio dell’anno successivo, bisognerà inviare una dichiarazione in cui si attestino gli investimenti effettivamente realizzati.

CIAO!

Ci prendiamo un caffè insieme?
Potremo parlare di comunicazione, di nuovi trend del web marketing e di molto altro.
Iscriviti ora alla newsletter.
Una promessa: niente spam!