theBreath® adv amico dell’ambiente: le maxi affissioni anti smog

E-commerce: quanto conta la spedizione gratuita?
12 Novembre 2019
Le più belle campagne natalizie di sempre
22 Novembre 2019

La battaglia all’inquinamento atmosferico è un tema che sta sensibilizzando anche la popolazione italiana. Finalmente si sta radicando l’idea che bisogna ormai sviluppare e avviare tecnologie anche nel Bel Paese per migliorare la qualità dell’aria e per ridurre l’inquinamento.

Si struttura su questa mission, per esempio, il progetto di Anemotech S.r.l., la prima società italiana nata con l’obiettivo di sviluppare tecnologie volte al benessere della popolazione, capaci di migliorare la qualità della vita e di favorire così un ambiente più sano. I valori di Anemotech si estendono a tutte le aree della sua azienda, anche quella dedicata all’advertising. Per coniugare le proprie esigenze di comunicazione con le strategie di Corporate Social Responsability, Anemotech ha tappezzato città come Milano, Londra, Roma, Bruxelles e Monaco di Baviera con delle maxi-affissioni antismog. Ma la particolarità della campagna adv sta nel materiale con cui le maxi affissioni sono state realizzate.

Anemotech, infatti, ha progettato un tessuto multistrato rivoluzionario con una ‘trama’ vincente per combattere l’inquinamento. Questa, infatti, è formata da due strati esterni in materiale stampabile e traspirante (consentendo dunque il passaggio in entrata e in uscita dell’aria) e da un’anima intermedia, costituita da una cartuccia in fibra carbonica, capace di “catturare” e disgregare le sostanze volatili nocive. Questo processo avviene tramite lo sfruttamento del flusso passivo dell’aria e senza bisogno di ricorrere a fonti energetiche aggiuntive.

Il tessuto theBreath®, impiegato per la realizzazione del pannello portante delle affissioni pubblicitarie, contribuisce in maniera tangibile a purificare l’atmosfera circostante all’installazione. I dati sono emblematici: i test effettuati hanno dimostrato che un pannello theBreath® di 10mq è in grado di assorbire indicativamente in un anno le emissioni di 15 caldaie o procurate dal passaggio di 1450 auto diesel e da 3635 auto benzina.

Il General Manager di Anemotech, Bruno Combi, ha affermato:

Sconfiggere l’inquinamento al 100% è ancora impossibile. Ma la tecnologia oggi può sicuramente contribuire a migliorare la situazione nella quotidianità. Una è la nostra mission: aiutare le persone a vivere in un habitat più sano, sicuro e sostenibile”.

A una emergenza sociale che richiede risposte immediate, dunque, ci sono aziende e start-up che sembrano voler investire le proprie competenze e il proprio know-how per il miglioramento delle disastrose condizioni ambientali in cui versiamo.