Myfoody: l’app antispreco alimentare

Detective Dark Web
Ecco chi sono i Detective del Dark Web
19 Dicembre 2019
WikiHow
WikiHow: come è nato il sito che insegna a fare tutto?
26 Dicembre 2019
Myfoody

Myfoody

Lo spreco come stile di vita sembra fare da padrone a questo millennio. Lo spreco alimentare è poi alle stelle. I dati parlano chiaro: circa un terzo del cibo prodotto nel mondo non riesce ad arrivare nelle nostre case. Molto spesso chili di cibo vengono sprecati lungo tutta la filiera a causa delle inefficienze logistiche.

Mug Agency scopre Myfoody in una piovosa giornata di novembre. Faceva freddo e tutto il team della web agency aveva voglia di qualcosa di dolce da mettere sotto i denti. Possibilmente senza mettere piede fuori dall’agenzia di comunicazione. Inaspettatamente ci siamo imbattuti in MyFoody. Così, avendo provato i servizi dell’app ed essendone rimasti soddisfatti, abbiamo deciso di parlarvene in questo articolo.

L’app di Myfoody fa la sua apparizione nel 2016. Alle spalle vi è l’idea di creare un’app per una spesa senza sprechi. Nel giro di pochi anni, Myfoody è diventata un mondo a spreco zero. L’idea nasce nel 2012 quando Francesco, studente Erasmus in Belgio, fa un salto al supermercato per comprare un pacco di biscotti. Quando torna a casa si accorge che i biscotti sono in procinto di scadere e una domanda lo assale: è giusto comprare a prezzo pieno un prodotto che ha vita minore rispetto agli altri?

Francesco inizia quindi un giro di telefonate e, in poco tempo, si compone il team di Myfoody: un gruppo di ragazzi under 30 che ha a cuore il tema del cibo, del futuro del pianeta e la voglia di trovare una soluzione ad un problema di ampia portata. Nel giro di poco tempo, Myfoody ha trovato la collaborazione di 25 negozi milanesi e 35 supermercati del Lazio. Tra le grandi catene vantano una partnership anche con Unicoop Tirreno e Lidl.

Ma come funziona questa app? Con Myfoody gli utenti possono scoprire, in modo facile e veloce, la disponibilità in tempo reale dei prodotti prossimi alla scadenza, scontati fino al 50%, per poi recarsi direttamente nel supermercato e procedere con l’acquisto. Inoltre, grazie alla app, gli utenti che lo desiderano possono attivare le notifiche e venire avvisati non appena nuove offerte sono disponibili nei propri negozi preferiti. Nei supermercati i consumatori trovano i prodotti scontati presenti in app all’interno delle aree anti spreco.

Nell’era in cui il consumatore è diventato prosumer, Myfoody riesce ad andare incontro a quella clientela che è alla costante ricerca di processi che possano agevolare e velocizzare gli acquisti. In più, si pone l’obiettivo di diminuire lo spreco alimentare aumentando la consapevolezza alimentare. Insomma, un’app in missione per amore del cibo.

Se l’articolo ti è piaciuto e vuoi essere sempre aggiornato sul mondo della comunicazione, iscriviti alla nostra newsletter. È gratis!