Fondo Futuro: prorogata la scadenza

L’accoglienza del paziente: come riconoscere le diverse personalità
29 Ottobre 2019
Singapore vieta la pubblicità delle bevande zuccherate
5 Novembre 2019

È stato dato il via alla nuova edizione di Fondo Futuro 2014-2020, che ha prorogato la scadenza per la presentazione della domanda alle ore 12 del 19 Dicembre 2019.
Fondo futuro rappresenta un’opportunità per le microimprese che si trovano in situazioni di difficoltà di accesso ai canali tradizionali del credito. La dotazione della finestra 2019 di Fondo Futuro è pari a 13,5 milioni di euro a valere sulle annualità 2019-2020 del POR FSE 2014-2020.

A chi è rivolto?

Il presente bando è rivolto a tutte le SRL, le ditte individuali, le cooperative e le microimprese (già costituite o costituende). Inoltre, è indispensabile avere o aprire entro la data di scadenza una sede operativa nella Regione Lazio. Sono inclusi i titolari di partita IVA.

Settori e spese ammissibili

Il finanziamento copre il 100% delle spese ammissibili del progetto, entro i massimali indicati nell’Avviso, indicate nel business plan e sostenute nel periodo di realizzazione del progetto (massimo 12 mesi a partire dalla sottoscrizione del contratto di finanziamento), conformi a quanto previsto dalla normativa vigente. Le spese proposte, se già non sostenute, devono essere effettuate entro 12 mesi dalla data di eventuale aggiudicazione; quindi, si può presentare domanda e decidere di spendere solo una volta saputo se e quanto si è ottenuto. In particolare:

spese di costituzione per le imprese non ancora costituite alla data di presentazione della domanda;
canoni di locazione (ma. 6 mesi);
consulenze, nel limite del 20% del totale del progetto approvato e\o successivamente rimodulato dal Soggetto Erogatore;
retribuzione dipendenti e, nel caso di cooperative, anche di soci lavoratori entro il limite massimo di 6 mesi e comunque entro il limite massimo del 50% del totale
del progetto
approvato e\o successivamente rimodulato dal Soggetto Erogatore;
corsi di formazione;
materiali di consumo quali semilavorati e prodotti destinati alla vendita pertinenti l’attività ordinaria dell’impresa, nel limite del 20% del totale del progetto approvato e/o
successivamente rimodulato dal Soggetto Erogatore;
utenze, limitatamente a quelle relative ai locali della sede operative;
opere per l’adeguamento funzionale e la ristrutturazione della sede operativa del progetto, nel limite del 50% del totale del progetto approvato e/o successivamente rimodulato dal
Soggetto Erogatore;
acquisto brevetti, realizzazione di sistema di qualità, certificazione di qualità, ricerca e sviluppo, realizzazione sito WEB;
acquisto di arredi, impianti, macchinari e attrezzature nuovi di fabbrica;
acquisto di software per le esigenze produttive e gestionali dell’impresa;
investimenti atti a consentire che l’impresa operi nel rispetto di tutte le norme di sicurezza dei luoghi di lavoro, dell’ambiente e del consumatore e, tra questi, investimenti
specifici volti alla riduzione dell’impatto ambientale, allo smaltimento o riciclaggio dei rifiuti e alla riduzione dei consumi energetici o idrici;
l’IVA su qualsiasi di queste voci purché risultante dalle fatture dei fornitori.

Le agevolazioni

Si tratta di un finanziamento a tasso agevolato (1%). Più precisamente parliamo di un mutuo chirografario non assistito da garanzie reali né personali. L’importo minimo richiedibile è di 5000€, il massimo di 25.000€. Il periodo di rimborso del prestito arriva a un massimo di 84 mesi con eventuale preammortamento di 12 mesi. Il finanziamento è erogato su un apposito conto corrente vincolato, intestato al beneficiario.

Come si presenta la domanda?

Le richieste avvengono seguendo tre step:

primo passo: calcolo del punteggio in base ai criteri di selezione previsti dal bando;
secondo passo: compilazione del formulario sul portale GeCoWEB, dove deve essere indicato l’importo del finanziamento richiesto, una breve descrizione del progetto e il punteggio
totale calcolato dal richiedente. Il richiedente deve obbligatoriamente selezionare un Soggetto Erogatore fra quelli convenzionati con Lazio Innova;
terzo passo: invio a mezzo PEC della domanda.

L’assegnazione delle risorse sarà effettuata secondo una procedura a graduatoria.

Se hai bisogno di ricevere un aiuto per partecipare al bando contattaci al numero 06 69 345203 o scrivici alla mail info@mugagency.com.