Facebook, Instagram e le nuove norme sulla privacy fermeranno gli influencer?

Marketing sanitario, vendere salute
13 aprile 2018
Le rivelazioni di Jeff Bezos sul servizio Amazon Prime
20 aprile 2018

Dal vaso di Pandora che qualche tempo fa è stato scoperchiato sono accidentalmente emerse le verità più nascoste del social più amato al mondo: Facebook. Dopo lo scandalo Cambridge Analytica e le due audizioni al Congresso degli Stati Uniti, la UE vuole scavare a fondo fino ad arrivare a togliersi qualsiasi dubbio sul suo distorto utilizzo.

Le nuove norme di Facebook

Ci sono da sciogliere nodi legati alle informazioni di ben 2,7 milioni di profili europei e curiosità circa i modi in cui Facebook vedrà di allinearsi al GDPR, il Regolamento europeo sulla privacy che avrà luogo a partire dal 25 maggio e che non lascerà spazio ad errori e distrazioni.

Si inizia dall’analisi del confine vigente tra pubblicità e privacy, tra tendenza e corrispettivo guadagno economico, tra studio del target e tassi di conversione. In realtà, oggi, un primo immediato contraccolpo si è già avvertito in alcune “caste”, quelle degli influencer ad esempio, che a poco tempo dal lancio di uno strumento a loro dedicato si vedono cambiare le regole del gioco.

Il servizio di shopping offerto da Instagram infatti non permetterà più di utilizzare i Like sui post degli influencer per inviare mail con informazioni relative ai prodotti associati dotati di pulsanti di acquisto. Questa infatti pur essendo una notevole comodità per chi vendeva e sponsorizzava prodotti violava la cessione dei dati. A proposito di ciò il Chief Techonology Officer di Facebook, Mike Schroepfer ha diffuso una nota stampa circa le modalità attraverso cui le app potranno accedere a eventi e pagine. L’intento, ha fatto sapere, è quello di chiudere l’interfaccia di programmazione di applicazioni quali Instagram o l’API.

Cosa significa?

Quanto detto sta a significare semplicemente che:

  • Le terze parti non avranno più la possibilità di raggiungere le liste di follower per utilizzarne i dati a fini propri.
  • Non sarà più possibile consultare i post che hanno raggiunto l’obbiettivo conquistando il mi piace degli utenti.
  • Le società di analisi che erogano dati demografici dei follower saranno impossibilitate ad accedere ai dati interni ad Instagram.
  • Sarà vietato utilizzare “bot” per manifestare il proprio gradimento ad account specifici o a post pubblicati.

Di certo tutto ciò non farà piacere a chi per mestiere ha creato una strategia basata su scatti fotografici sponsorizzati da famosi brand o alle aziende che hanno come obiettivo quello di elaborare i dati degli utenti più seguiti.

Di sicuro il caso Cambridge Analytica ha spostato gli equilibri, favorito nuove piattaforme e fatto nascere una nuova comune consapevolezza.