Pubblicità durante il Festival di Sanremo: roba da ricchi

Incredibile ma vero, dopo 67 anni di vita il Festival di Sanremo continua ad essere il programma televisivo più seguito della tv italiana. Non ci sono talent, prime tv cinematografiche o serie tv d'autore che possano reggere il confronto con la kermesse musicale in diretta dalla Città dei Fiori. 

Quest'anno un nuovo record di ascolti che hanno superato il 50% di share. Musica, moda, gossip, Sanremo è tutto questo ma è anche un catalizzatore di visibilità e comunicazione per brand più o meno noti. 

Ma per chi decide di investire in pubblicità durante le dirette dal palco dell'Ariston, quanto deve aspettarsi di sborsare? Tanto! Uno spazio di quindici secondi può arrivare a superare i 200mila euro. D'altronde la Rai deve rientrare dei costi elevatissimi dell'evento televisivo più atteso dell'anno e la visibilità garantita tocca un numero di persone impressionante, con target differenziati in termini demografici e di comportamento. 

Nel corso della prima puntata, un'azienda poteva acquistare uno spazio di 15 secondi più o meno a metà puntata per 219mila euro. Prezzo che scendeva con l'avvicinarsi della mezzanotte. E' chiaro che più si entra nel vivo della gara più l'attenzione di pubblico e stampa aumenta e i prezzi lievitano. Quindi la finalissima di sabato prossimo è alla portata solo di portafogli gonfi. 

Nel corso della puntata d'esordio Raiuno han mandato in onda 78 spot per un valore approssimativo che supera i 4 milioni di euro. Con il crescente successo del Festival di Sanremo, cresce la corsa all'accaparramento di spazi pubblicitari da mandare in onda durante l'evento. Sarebbe molto interessante conoscere i risultati delle singole imprese e il valore di notorietà e reputazione acquisito grazie a canzoni e canzonette. 

RIMANI AGGIORNATO